ADAMELLO BRENTA TREKKING 16 Luglio 2021 – 20 Luglio 2021

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Cinque giorni di trekking nel cuore del Parco Adamello Brenta a contatto con natura selvaggia e luoghi della storia. Attraverseremo 4 valli in un giro ad anello unico! Da rifugio a rifugio dove dormiremo e potremo gustare le delizie che caratterizzano i diversi luoghi percorsi.

Partendo dalla Valle di Breguzzo arriveremo fino al cospetto del massiccio del Carè Alto per proseguire e terminare in Val di Borzago tra i paesaggi punteggiati dai laghi Garzonè e Vacarsca.

PROGRAMMA:

1° GIORNO: VAL DI BREGUZZO – RIFUGIO TRIVENA

Ritrovo nel centro abitato di Breguzzo (TN). Proseguiremo in direzione dell’omonima valle sfruttando il servizio taxi del rifugio Trivena che ci porterà al punto di partenza, il Ponte Pianone. Da qui al rifugio non avremo molto da camminare, circa un’ora. Potremo lasciare gli zaini e alleggerirci prima di risalire il fondo valle fino a Pian del Redond, per poi raggiungere le “Porte di Danerba” a quota 2718m slm. Cena e pernottamento presso il rifugio Trivena.

Lunghezza: circa 2,5Km da Ponte Pianone al rifugio Trivena / Dislivello: +400m

Lunghezza: circa 12,0Km dal rifugio Trivena alle Porte di Danerba e ritorno / Dislivello: +1000m / Difficoltà: Media / Durata: 6 ore

LUNGHEZZA: circa 12,0Km
DISLIVELLO: +1000m
DIFFICOLTA’: MEDIA
TEMPO: 6 Ore

2° GIORNO: VAL DI FUMO – RIFUGIO VAL DI FUMO

Dopo la prima colazione, partiremo dal rifugio Trivena in direzione di Pian del Redond per proseguire sui pendii erbosi del fondovalle e portarsi in quota per raggiungere la Bocchetta del Cop di Casa e il Passo di San Valentino a quota 2768m. Da questo punto panoramico scenderemo nella Val di Fumo per arrivare all’omonimo rifugio. Qui sosteremo per la notte e potremo apprezzare la rinomata cucina del rifugio.

LUNGHEZZA: circa 10Km
DISLIVELLO: +1200m
DIFFICOLTA’: MEDIA

3° GIORNO: VAL DI FUMO – RIFUGIO CARÈ ALTO

Dopo la prima colazione, partiremo in direzione del rifugio Carè Alto, situato ai piedi dell’omonima vetta. In principio percorreremo il sentiero che serpeggia lungo il fondovalle. Il terreno è ricco di vegetazione rigogliosa ed è caratterizzato dalla presenza del fiume Chiese, che nasce proprio in questa valle e che, molti km più a sud, si getterà nel fiume Po’. Il sentiero sale in maniera importante fino al Passo delle Vacche a quota 2872m. Da qui ci aspetta uno spettacolare traverso che discende dolcemente dapprima verso la Bocchetta di Conca e poi al rifugio Carè Alto a quota 2450m. Se la giornata non sarà stata troppo dura, ci sarà di certo il tempo per risalire qualche centinaio di metri, alle spalle del rifugio, e visitare due postazioni d’artiglieria ancora ben conservate, risalenti alla Prima Guerra Mondiale. Il rifugio è posizionato proprio sopra la testata della valle di Borzago su una balconata spettacolare. Cena e pernottamento presso il rifugio Carè Alto.

LUNGHEZZA: circa 8.0Km
DISLIVELLO: +1000m
DIFFICOLTA’: MEDIA

4° GIORNO: VAL RENDENA – RIFUGIO SAN GIULIANO

Dopo la prima colazione, ci aspetta uno spettacolare traverso sotto la cima del Carè Alto e omonimo ghiacciaio che ci porterà al Passo Altar a quota 2500m. Da qui, cominceremo la discesa nella Val Seniciaga, anche questa caratterizzata da un corso d’acqua e da vegetazione rigogliosa di cespuglietti di ontano. Mano a mano che si scende, il paesaggio cambia e i boschi lasciano spazio agli alpeggi. Proprio in corrispondenza di una malga, risaliremo per qualche centinaio di metri per svalicare un poco impegnativo crinale, caratterizzato da un bel bosco di conifere, che ci porterà in vista del rifugio San Giuliano dove ceneremo e pernotteremo. Questa è la tappa più lunga del trekking.

LUNGHEZZA: circa 14Km
DISLIVELLO: +820m
DIFFICOLTA’: MEDIA

5° GIORNO: VAL RENDENA – CADERZONE TERME

Dopo la prima colazione, partiremo dal rifugio in direzione di Caderzone Terme, la tappa conclusiva del nostro trekking. Cammineremo attraverso paesaggi più antropizzati dopo i giorni nel selvaggio spettacolo del Parco dell’Adamello Brenta. Dal lago di Garzonè a 1950m, risaliremo alla Bocchetta dell’acqua fredda a quota 2185m per discendere verso il lago di Vacarsca e proseguire verso Malga Campastril e poi giù verso Caderzone Terme. Oggi saranno decisamente maggiori i metri discesi rispetto a quelli saliti. Davanti a noi lo spettacolo delle Dolomiti di Brenta che ci faranno compagnia lungo tutta la discesa. Da Caderzone sfrutteremo il servizio taxi per rientrare a Breguzzo e terminare questa grande avventura.

LUNGHEZZA: circa 9.0Km
DISLIVELLO: +260m
DIFFICOLTA’: FACILE

 

EQUIPAGGIAMENTO OBBLIGATORIO:

    • Zaino
    • Vestiti comodi adatti ad un trekking di più giorni: maglie o tshirts di cambio, scarpe comode da trekking e con suola in vibram o simile per camminare in montagna, pantaloni lunghi e corti, a seconda delle temperature del momento.
    • Bastoncini, se siete abituati ad usarli e ne trovate beneficio.
    • Capo antivento e impermeabile, in caso di pioggia.
    • Occhiali da sole, cappello o simili e crema solare.
    • Piumino o simile nel caso il meteo volga al peggio e comunque per la sera.

 

LUOGO E ORARIO DI RITROVO:

Ore 09:00 (puntuali)

Nel centro dell’abitato di Breguzzo, indirizzo da stabilire con il servizio taxi.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE


€ 475,00 per persona*

* Minimo 10, massimo 14 partecipanti. Il tour verrà riconfermato entro 30 giorni prima della partenza

 

La quota comprende:

  • 4 pernottamenti in rifugi selezionati con trattamento di mezza pensione
  • Percorsi trekking con Guida Ambientale Escursionistica ITrek ITaly
  • Assicurazione medica
  • Assicurazione rinuncia
  • Assistenza Italy Destination by Paltours e ITrek ITaly


La quota non comprende:

  • Trasferimenti per/da Breguzzo (TN)
  • Bevande
  • Mance
  • Quanto non espressamente indicato

TOUR SVILUPPATO IN COLLABORAZIONE CON ITALIAN DESTINATIONS by Paltours agenzia viaggi

 

N.B. Il programma potrebbe subire modifiche in base alle condizioni meteo e scelte della Guida

it_IT